21 I più grandi pro e contro degli zoo

Uno zoo può essere chiamato in modi diversi, a seconda di dove ci si trova nel mondo. Alcuni si riferiscono a loro come un “serraglio”. Potrebbero essere chiamati “giardino zoologico”. Alcuni zoo usano semplicemente il termine generico di “parco animale”. Qualunque sia il nome, lo scopo generale della struttura è lo stesso. Gli animali sono tenuti in cattività e i visitatori vengono sul posto per vederli.

Gli zoo di solito ospitano animali che non si trovano normalmente a livello locale. Si possono trovare leoni, tigri, lupi, orsi, giraffe, scimmie, elefanti e altro. Ogni struttura è un po’ diversa. I primi zoo risalgono al 35° secolo a.C. in Egitto e oggi ci sono migliaia di strutture in tutto il mondo che sostengono le popolazioni animali.

L’idea di limitare la libertà di un animale può essere molto fastidiosa, anche se i recinti utilizzati replicano un habitat naturale con grande specificità. La cattività significa che l’animale è in balia di chi lo accudisce. Ecco perché valutare i pro e i contro degli zoo è un processo così importante e in evoluzione.

Quali sono i pro degli zoo?

1. Gli zoo offrono opportunità di apprendimento alla loro comunità locale

Quando c’è uno zoo locale in una comunità, allora c’è un’opportunità di interagire con gli animali che normalmente non sarebbe possibile. Allo stesso tempo, c’è l’opportunità di insegnare alle persone di più sulla natura. I bambini possono essere impegnati a imparare concetti scientifici. Le famiglie possono pianificare eventi intorno a una visita allo zoo per creare più tempo insieme. Non solo possiamo imparare su noi stessi con uno zoo, ma possiamo anche imparare come funziona il resto del mondo allo stesso tempo.

2. Gli zoo possono salvare gli animali in via di estinzione.

Uno dei migliori esempi di uno zoo in grado di salvare una specie è il cavallo di Przewalski. Negli anni ’40, il livello di popolazione di questa specie di cavallo selvaggio era sceso a 13 esemplari, tutti catturati nel 1945. Questo gruppo discendeva da un branco di circa 15 cavalli catturati nel 1900. Lavorando con la Società Zoologica di Londra, la specie è stata salvata attraverso un programma di allevamento attentamente monitorato. Ora ci sono più di 1.500 cavalli e i livelli di popolazione sono ancora in crescita.

3. Gli zoo salvano gli animali in pericolo dal bracconaggio e da altre attività illegali.

Gli uomini hanno la reputazione di danneggiare gli animali per il proprio guadagno. Gli squali sono raccolti solo per le loro pinne, spesso lasciati a morire dopo che la pinna è stata rimossa. I rinoceronti e gli elefanti sono stati cacciati rispettivamente per le loro corna e zanne. Gli zoo possono richiedere agli animali di passare dall’essere selvatici all’essere essenzialmente addomesticati, ma l’azione spesso salva la loro vita.

4. Uno zoo fornisce assistenza economica alle comunità locali.

Gli zoo fanno più che ospitare animali. Forniscono anche posti di lavoro a persone di diversa provenienza. Uno zoo assume custodi di animali che sono specificamente addestrati per curare e gestire le specie. Assumono veterinari per curare gli animali che vivono allo zoo. Ci sono custodi, addetti ai servizi alimentari, venditori di souvenir, guide turistiche, parcheggiatori e molte altre posizioni lavorative fornite da uno zoo. Uno zoo in una grande città, come San Diego o Seattle, può avere un budget di più di 40 milioni di dollari, di cui circa il 40% è solitamente costituito dai salari dei lavoratori.

5. Gli animali sono generalmente curati in modo completo in uno zoo.

Gli zoo moderni assumono solo specialisti che hanno familiarità con la cura di una specie specifica. Non assumono più generalisti che si occupano di tutti gli animali. Le persone addestrate a lavorare con gli elefanti lavorano solo con loro, e così via. Per diventare un guardiano di zoo o un custode di animali, è spesso necessaria una laurea avanzata. La prova della formazione deve essere fornita prima dell’assunzione. In cambio, i livelli di sicurezza degli zoo sono aumentati drasticamente nell’ultimo secolo, sia per i visitatori che per i lavoratori.

6. Gli habitat replicano gli ambienti naturali come mai prima d’ora.

Quando si pensa ad uno zoo, spesso viene in mente l’immagine di un pavimento di cemento, barre d’acciaio, o forse un recinto di vetro rinforzato. Lo zoo moderno si è allontanato da questo ambiente simile a una prigione. Gli zoo soddisfano i bisogni alimentari di ogni animale con grande specificità. Le attività sono create per gli animali per impegnare i loro istinti naturali su base regolare. Non c’è modo per uno zoo di replicare i modelli di migrazione o la libertà di andare a caccia, ma gli zoo hanno imparato a mantenere la salute mentale di ogni specie animale in modi migliori.

7. Gli zoo sono partner della comunità.

Uno zoo, in qualsiasi forma, è una parte attiva della comunità. Molti formano relazioni con i distretti scolastici locali per creare attività e presentazioni uniche in classe. Nei giardini zoologici sono spesso disponibili tirocini per gli studenti per vedere se una carriera nella cura degli animali o nella scienza veterinaria è giusta per loro. Uno zoo fa del suo meglio per assicurare che tutti siano inclusi nelle loro partnership, non importa chi siano o quanto ricchi possano essere.

8. Gli zoo moderni sono regolarmente ispezionati per la loro cura e servizio.

Molte comunità richiedono che i loro zoo siano regolarmente ispezionati e/o accreditati per rimanere aperti. Questo processo include un’ispezione completa delle strutture per assicurare la pulizia. La costruzione degli habitat, la sicurezza dei visitatori, le tecniche di cura adeguate e ogni altro aspetto della vita quotidiana nello zoo è valutato in modo approfondito e professionale. Se uno zoo non è in grado di soddisfare certi standard e non risolve il problema, allora potrebbe essere chiuso per proteggere la sicurezza degli animali coinvolti.

9. Gli animali rari hanno una possibilità di sopravvivenza.

Le specie animali gravemente minacciate sono spesso portate in un ambiente zoo per approfittare dei programmi di allevamento disponibili. Anche se i programmi di allevamento in cattività non hanno di solito lo stesso successo dell’allevamento naturale, l’ambiente dello zoo offre un minimo di protezione che l’ambiente naturale non può offrire. Anche se i tentativi di allevamento non hanno successo, la genetica della specie animale può essere conservata per un futuro recupero, se la tecnologia diventa disponibile per farlo. In teoria, questo offre il potenziale di fermare ogni estinzione animale che può verificarsi.

10. I programmi di laurea sono progettati intorno alle esperienze negli zoo.

La residenza e i programmi di laurea che coinvolgono la zoologia sono basati sulle esperienze che abbiamo imparato come società su come gestire correttamente uno zoo. Anche i veterinari interessati a lavorare con uno zoo sono tenuti a soddisfare specifici requisiti di residenza e formazione prima di essere autorizzati a perseguire un impiego in questo settore. Lo zoo moderno sviluppa specialisti e poi li impiega in modo che gli animali coinvolti ricevano sempre i più alti livelli di cura.

Statistiche sulle ragioni per cui gli zoo dovrebbero esistere

Quali sono i contro degli zoo?

1. Gli zoo sono spesso abusati per guadagni politici o personali.

Sapevi che uno dei primi zoo fuori dall’Europa e dall’Asia non aveva animali in mostra? Presentava esseri umani che si riteneva avessero tratti “insoliti” rispetto agli altri. Lo zoo teneva le persone con nanismo, albinismo e difetti di nascita o condizioni mediche in uno stato di reclusione indesiderata. Anche la Chiesa cattolica mantenne uno zoo umano fino al 1500. Gli esseri umani sono stati tenuti negli zoo anche nel 20° secolo.

2. Gli animali in cattività vivono una vita più breve.

Anche se gli zoo sono progettati per proteggere gli animali, specialmente le specie in pericolo, dal male, la durata della vita degli animali in cattività è spesso inferiore a quella che sarebbe se vivessero in natura. Grazie al film documentario Blackfish, l’orca è spesso una delle specie di riferimento per questo negativo di zoo, acquari e altri recinti. Le orche in cattività hanno una vita media di soli 30 anni. I maschi vivono solo la metà. In natura, tuttavia, le orche sono note per vivere per un secolo o più.

3. Gli zoo trattano gli animali come oggetti ricreativi.

Imparare a conoscere gli animali è importante, ma molti zoo sono trattati come una struttura ricreativa più che un ambiente educativo. Si va allo zoo per “divertirsi”. Anche se questo genera entrate che alla fine sostengono gli animali e coloro che si prendono cura di loro, l’enfasi sul processo scientifico è stata diminuita nel tempo. Ecco perché gli zoo, specialmente in Europa, uccidono gli animali in eccesso. In un incidente grafico, una giraffa di nome Marius, che aveva 18 mesi, è stata uccisa a Copenaghen davanti agli studenti semplicemente perché la sua genetica non era più necessaria.

4. Uno zoo diminuisce il rispetto che l’uomo deve avere per gli animali.

Ci sono numerosi esempi di uomini che si intromettono negli habitat degli animali, solo per avere l’animale ucciso a causa della stupidità dell’uomo. Nel 2008, prima che una tigre attaccasse le persone il giorno di Natale, testimoni oculari hanno riferito che la gente stava disturbando i grandi felini prima dell’attacco. Nel 2016, Harambe è stato ucciso dopo che un bambino di 3 anni senza supervisione è salito nel recinto del gorilla ed è stato trascinato dall’animale. La cattività diminuisce il rispetto che dovremmo avere per gli animali. Possono essere in cattività, ma questo non garantisce che siano completamente addomesticati.

5. La reintroduzione non ha sempre successo con i programmi di allevamento.

Il cavallo Przewalski è una grande storia di successo. Non solo il programma di allevamento ha salvato la specie, ma la Zoological Society of London ha contribuito a porre le basi per il ritorno di questa razza di cavalli allo stato selvaggio in Mongolia. Altre mandrie sono gestite in parchi nazionali e persino nella zona di esclusione di Chernobyl. La maggior parte dei programmi di reintroduzione non hanno questo successo. Gli animali tenuti in cattività alla fine hanno imparato a dipendere dagli umani, specialmente se sono nati in cattività.

6. I cambiamenti comportamentali si verificano frequentemente nell’ambiente dello zoo.

Molti animali tendono ad essere creature sociali, specialmente all’interno della loro specie. Lupi, elefanti e altri animali da branco faticano a vivere nei confini di uno zoo semplicemente perché non hanno spazio per muoversi. O peggio, sono tenuti per conto loro in modo da non avere alcun contatto sociale. Quando gli animali da branco, specialmente le specie predatrici, hanno i loro istinti naturali limitati, allora diventano tipicamente più aggressivi. Nella battaglia tra un umano e un elefante, l’elefante di solito vince se l’umano non è armato di qualcosa.

7. Anche i migliori zoo lottano finanziariamente.

La maggior parte degli zoo sono finanziati non dalle risorse dei contribuenti, ma attraverso donazioni indipendenti, iscrizioni e vendite di biglietti. Anche i migliori zoo, come il Woodland Park Zoo di Seattle, hanno milioni di spese in più ogni anno rispetto alle entrate che ricevono. La mancanza di fondi riduce il numero di specialisti che possono occuparsi degli animali. Può ridurre la quantità di cibo disponibile. Questo, a sua volta, influisce sulla qualità della vita che l’animale riceve.

8. Gli animali sono usati come merce finanziaria.

La Cina può essere il peggior colpevole di usare gli animali come merce finanziaria. Il panda gigante è spesso usato come strumento diplomatico. A volte, sono anche usati come ricompensa quando si cerca di negoziare un accordo commerciale. Tutti gli zoo al di fuori della Cina sono costretti ad affittare panda giganti. Al Jazeera riporta il costo del “Panda Rent” a 1 milione di dollari per animale. Questo non include nemmeno il costo dell’alimentazione e delle cure. Negli Stati Uniti, una tassa di conservazione di 400.000 dollari viene pagata alla Cina anche se un panda gigante dà alla luce un cucciolo dopo 12 mesi. Anche se nati fuori dalla Cina, i cuccioli di panda sono ancora di proprietà della Cina e devono essere trasferiti dalla sua famiglia al suo secondo compleanno.

9. I programmi di allevamento non sempre funzionano.

Il panda gigante è un altro grande esempio. Più del 60% dei cuccioli di panda morivano nei programmi di allevamento degli zoo in passato. Solo 3 su 10 panda in cattività erano considerati capaci di riprodursi. I tassi di sopravvivenza sono raddoppiati dagli anni ’90, ora superiori al 70%, ma questo significa ancora che c’è un 30% di possibilità che un cucciolo di panda muoia semplicemente perché viene manipolato in un ambiente in cattività.

10. Le condizioni locali possono non favorire certe specie animali.

Puoi immaginare un elefante felice in Alaska? O un orso polare che vive a Città del Messico? Gli animali si adattano alle loro condizioni locali attraverso il processo evolutivo naturale. Portarli fuori da questo clima può causare gravi disagi alla loro salute. Quel che è peggio è che le condizioni locali possono essere poco sicure per l’animale, quindi per proteggerli, i guardiani degli zoo li limitano ad un ambiente interno. Questo ha causato agli elefanti di smettere di camminare e mangiare, agli orsi polari di diventare aggressivi, e altri cambiamenti comportamentali che rendono la cura degli animali imprevedibile e pericolosa nel tempo.

11. Gli habitat naturali sono solo una bella prigione per gli zoo.

Un habitat naturalizzato può sembrare esteticamente piacevole, ma in realtà non cambia le dinamiche della vita degli animali. Un elefante potrebbe camminare per più di 30 miglia durante il giorno con il suo branco. Camminare in cerchio più volte non fornisce la stessa esperienza. Per molti animali, uno zoo non sarà mai in grado di duplicare completamente la vita in natura. Il cambiamento nell’approccio dell’habitat è quindi più sul confortare gli umani scomodi che hanno visto problemi nel tenere un animale in cattività all’interno di un recinto. Gli habitat naturali potrebbero aiutare le persone a sentirsi meglio, ma agiscono ancora come una bella prigione per l’animale coinvolto.

Statistiche degli Stati Uniti sulle opinioni sugli zoo

I pro e i contro degli zoo saranno spesso discussi animatamente. Ci sono ragioni appassionate su entrambi i lati di questo dibattito che meritano di essere ascoltate. Gli zoo hanno fornito numerosi benefici nel corso degli anni, ma l’etica della cattività animale creerà sempre più domande che risposte in questo dibattito.

Informazioni sull’autore
Anche se milioni di persone visitano il blog di Brandon ogni mese, il suo percorso verso il successo non è stato facile. Vai qui per leggere la sua incredibile storia, “Da disabile e 500 mila dollari di debiti a blogger professionista con 5 milioni di visitatori al mese”. Se vuoi mandare un messaggio veloce a Brandon, visita la sua pagina dei contatti qui.

Lascia un commento