American Hair Loss Association – Women’s Hair Loss / Causes of Hair Loss

Cause of Female Hair Loss Il diidrotestosterone (DHT), un derivato dell’ormone maschile testosterone, è il nemico dei follicoli dei capelli sulla tua testa. In parole povere, in certe condizioni il DHT vuole la morte di quei follicoli. Questa semplice azione è alla base di molti tipi di perdita di capelli, quindi la affronteremo per prima.
L’alopecia androgenetica, comunemente chiamata calvizie maschile o femminile, era solo parzialmente compresa fino agli ultimi decenni. Per molti anni, gli scienziati hanno pensato che l’alopecia androgenetica fosse causata dalla predominanza dell’ormone sessuale maschile, il testosterone, che le donne hanno anche in tracce in condizioni normali. Mentre il testosterone è al centro del processo di calvizie, si pensa che il DHT sia il principale colpevole.
Il testosterone si converte in DHT con l’aiuto dell’enzima Tipo II 5-alfa reduttasi, che si trova nelle ghiandole oleifere di un follicolo pilifero. Gli scienziati ora credono che il problema non sia la quantità di testosterone in circolazione, ma il livello di DHT che si lega ai recettori nei follicoli del cuoio capelluto. Il DHT restringe i follicoli piliferi, rendendo impossibile la sopravvivenza dei capelli sani.

Il processo ormonale di conversione del testosterone in DHT, che poi danneggia i follicoli dei capelli, avviene sia negli uomini che nelle donne. In condizioni normali, le donne hanno una frazione minima del livello di testosterone che hanno gli uomini, ma anche un livello inferiore può causare la perdita di capelli innescata dal DHT nelle donne. E certamente quando questi livelli aumentano, il DHT è ancora più un problema. Questi livelli possono aumentare ed essere ancora all’interno di ciò che i medici considerano “normale” su un esame del sangue, anche se sono abbastanza alti da causare un problema. I livelli possono non aumentare affatto ed essere comunque un problema se hai il tipo di chimica del corpo che è eccessivamente sensibile anche ai suoi livelli regolari di sostanze chimiche, compresi gli ormoni.
Poiché gli ormoni operano nel modo più sano quando sono in un delicato equilibrio, gli androgeni, come vengono chiamati gli ormoni maschili, non hanno bisogno di essere aumentati per innescare un problema. I loro omologhi ormoni femminili, quando sono abbassati, danno un vantaggio a questi androgeni, come il DHT. Un tale squilibrio può anche causare problemi, compresa la perdita di capelli.
Gli ormoni sono ciclici. I livelli di testosterone in alcuni uomini calano del 10% ogni decennio dopo i trenta. I livelli ormonali delle donne diminuiscono con l’avvicinarsi della menopausa e calano bruscamente durante la menopausa e oltre. La natura ciclica sia dei nostri capelli che degli ormoni è uno dei motivi per cui la perdita di capelli può aumentare a breve termine anche quando si sperimenta un rallentamento a lungo termine della perdita di capelli (e un aumento a lungo termine della crescita dei capelli) durante un trattamento che controlla la perdita di capelli.

Queste sono le cause più comuni della perdita di capelli nelle donne:

Alopecia androgenetica

La maggior parte delle donne con alopecia androgenetica hanno un diradamento diffuso su tutte le aree del cuoio capelluto. Gli uomini, d’altra parte, raramente hanno un diradamento diffuso, ma hanno invece modelli più distinti di calvizie. Alcune donne possono avere una combinazione di due tipi di modello. L’alopecia androgenetica nelle donne è dovuta all’azione degli androgeni, ormoni maschili che sono tipicamente presenti solo in piccole quantità. L’alopecia androgenetica può essere causata da una varietà di fattori legati all’azione degli ormoni, tra cui cisti ovariche, l’assunzione di pillole anticoncezionali ad alto indice di androgeni, gravidanza e menopausa. Proprio come negli uomini, l’ormone DHT sembra essere almeno parzialmente responsabile della miniaturizzazione dei follicoli piliferi nelle donne che soffrono di calvizie femminile. L’ereditarietà gioca un fattore importante nella malattia.

Telogen Effluvium

Quando il tuo corpo attraversa qualcosa di traumatico come il parto, la malnutrizione, una grave infezione, un grande intervento chirurgico o uno stress estremo, molti dei circa il 90% dei capelli in fase anagen (crescita) o catagen (riposo) possono passare tutti insieme alla fase di caduta (telogen). Circa 6 settimane a tre mesi dopo l’evento stressante è di solito quando il fenomeno chiamato telogen effluvium può iniziare. È possibile perdere una manciata di capelli alla volta quando si è in piena fase telogen effluvium. Per la maggior parte di coloro che soffrono di TE è probabile una remissione completa, purché si evitino eventi gravemente stressanti. Per alcune donne, tuttavia, il telogen effluvium è un misterioso disturbo cronico e può persistere per mesi o addirittura anni senza una vera comprensione dei fattori scatenanti o dei fattori di stress.

Anagen Effluvium

Anagen effluvium si verifica dopo qualsiasi insulto al follicolo pilifero che compromette la sua attività mitotica o metabolica. Questa perdita di capelli è comunemente associata alla chemioterapia. Poiché la chemioterapia si rivolge alle cellule tumorali che si dividono rapidamente, anche le altre cellule del corpo che si dividono rapidamente, come i follicoli piliferi in fase di crescita (anagen), sono molto colpite. Subito dopo l’inizio della chemioterapia, circa il 90% o più dei capelli possono cadere mentre sono ancora in fase anagen.

Il reperto caratteristico dell’effluvio anagen è la frattura affusolata dei fusti dei capelli. Il fusto del capello si restringe come risultato del danno alla matrice. Alla fine, il fusto si frattura nel sito di restringimento e causa la perdita dei capelli.

Alopecia da trazione

Questa condizione è causata da un trauma localizzato ai follicoli piliferi da acconciature strette che tirano i capelli nel tempo. Se la condizione viene individuata abbastanza presto, i capelli ricresceranno. Intrecci, trecce, code di cavallo strette ed estensioni sono le cause più comuni dello styling.

Lascia un commento