Bracket rotto? Start fresh w/ Bettor Bracket

Come gli umani, molti batteri amano passare il tempo in spiaggia. Il cosiddetto batterio mangia-carne, Vibrio vulnificus, non solo ama la spiaggia, ma ne ha bisogno, e si affida al sale marino per sopravvivere. E come per i frequentatori di spiagge umane, più l’acqua è calda, più ce ne sono.

V. vulnificus si trova più comunemente nelle acque calde degli stati che confinano con le acque calde del Golfo del Messico, ma può essere trovato anche lungo le coste dell’Atlantico e del Pacifico. Con l’aumento della temperatura degli oceani, si diffonderà con le acque calde in nuovi habitat oceanici dove le acque più fredde lo tenevano precedentemente sotto controllo. Abbiamo visto focolai di malattia da tipi simili di Vibrio legati all’aumento delle temperature oceaniche fino a nord dell’Alaska.

  • STORIE RILASCIATE
  • Infezioni da batteri mangia-carne in aumento nelle spiagge del Delaware e del New Jersey
  • Fasciite necrotizzante: È una minaccia questa estate al Jersey Shore?
  • Come è sopravvivere a un’infezione batterica mangia-carne

La maggior parte dei casi di infezione si verificano tra maggio e ottobre, quando le acque costiere sono più calde. Questo potrebbe cambiare, tuttavia, poiché il tempo estivo inizia prima e dura più a lungo.

Sono un’epidemiologa di malattie infettive interessata a tracciare le malattie, indagare sui focolai e sulla sicurezza alimentare. La prima grande epidemia su cui ho lavorato a Las Vegas è stata causata da ostriche contaminate, e mi ha fatto capire quanto facilmente il cibo proveniente dall’oceano possa arrivare nel deserto e far ammalare le persone se non viene raccolto, manipolato e preparato correttamente.

Solo sentiamo parlare dei casi peggiori

I servizi giornalistici tendono a concentrarsi sulla gente che muore o perde gli arti a causa dei batteri “mangia carne”. Non è una notizia da prima pagina quando qualcuno ha una lieve infezione della pelle o mangia un’ostrica avariata e passa un paio di giorni in bagno. Spesso non identifichiamo le malattie più lievi perché la gente in genere non cerca cure mediche per esse.

Anche così, le infezioni da V. vulnificus sono rare. Il Centers for Disease Control and Prevention stima che ogni anno si verifichino circa 205 infezioni, di cui 124 sono state riportate nel 2014, compresi 21 decessi. Per mettere questo in una certa prospettiva, oltre 32.000 persone sono morte quell’anno in incidenti automobilistici.

La maggior parte dei casi tendono ad essere maschi oltre i 40 anni di età e quasi tutti hanno una sorta di condizione di salute cronica sottostante, come malattie epatiche o renali, alcolismo o diabete.

Anche per le persone ad alto rischio, semplicemente nuotare accanto ai batteri non è sufficiente per farvi ammalare. I batteri devono trovare un modo per entrare nel tuo corpo per moltiplicarsi e causare danni.

Per alcune persone, questo comporta mangiare cibo contaminato dai batteri – tipicamente ostriche crude. Le ostriche si nutrono filtrando le piccole particelle nell’acqua, compresi i batteri, quindi possono contenere concentrazioni molto più alte di Vibrio rispetto all’oceano stesso. Quando qualcuno mangia un’ostrica cruda o poco cotta, i batteri possono moltiplicarsi nel tratto gastrointestinale e causare nausea e dolore addominale. Poiché si diffonde così rapidamente, può sopraffare il corpo prima che il sistema immunitario abbia la possibilità di fermare l’infezione. Le infezioni sistemiche sono curabili con gli antibiotici, ma è importante che il trattamento inizi rapidamente, perché il tasso di mortalità può superare il 50%.

Per altre persone, il V. vulnificus può entrare attraverso la pelle rotta come tagli, ustioni o ferite. I batteri possono moltiplicarsi sotto la pelle e causare una malattia pericolosa per la vita, comunemente nota come malattia mangia-carne, o fascite necrotizzante, che può apparire improvvisamente e diffondersi rapidamente. Le infezioni causano tipicamente una febbre e fanno sì che la pelle diventi rossa, gonfia e dolorosa nel luogo dell’infezione. I batteri in realtà non “mangiano” la carne, ma questo è ciò che la malattia può sembrare. Tra la crescita dei batteri, la produzione di tossine e i danni collaterali di una risposta travolgente del sistema immunitario, grandi aree di tessuto sotto la pelle possono morire. L’infezione è curabile con gli antibiotici, ma è importante che il trattamento sia rapido.

CO COSA POSSIAMO FARE?

Prima di tutto, evitate di mangiare crostacei crudi, specialmente se avete un sistema immunitario indebolito a causa di malattie epatiche o renali; siete sotto farmaci, come gli steroidi, che sopprimono il sistema immunitario; o siete diabetici o avete il cancro. Mentre le ostriche crude sono una prelibatezza popolare, mangiare qualsiasi prodotto animale non cotto comporta un rischio di malattia. Se state preparando le ostriche a casa, maneggiatele come fareste con qualsiasi altra carne cruda. Ma tenete a mente che il succo di limone, la salsa piccante o l’alcol non uccidono i batteri e non vi proteggeranno se il mollusco è contaminato e che non c’è modo di identificare la contaminazione alla vista o al gusto.

Un’altra precauzione è quella di non nuotare con tagli o ferite aperte, perché questo fornisce un percorso diretto per i batteri di entrare nel vostro corpo. Evita l’oceano finché non guarisci o copri le ferite con bende impermeabili.

Se sei ad alto rischio di infezione a causa di un sistema immunitario indebolito, indossa abiti e scarpe che ti proteggano da tagli e graffi mentre nuoti.

Infine, se ti ritrovi con un’infezione della pelle dopo aver nuotato nell’oceano o una gastroenterite dopo aver mangiato molluschi crudi, dillo al tuo medico, poiché la pronta identificazione e il trattamento sono necessari per questa rara malattia.

Ricordo, non è necessario saltare la spiaggia. Basta usare alcune misure di buon senso per proteggersi dall’infezione da V. vulnificus, soprattutto se si è ad alto rischio.

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi l’articolo originale.

Lascia un commento