Chiese di santità

Lo spirito di santità nel protestantesimo deriva dall’insegnamento di John Wesley, che credeva ci fossero due fasi nel processo di giustificazione: la libertà dal peccato e la santificazione o la seconda benedizione. Con il declino dei principi strettamente wesleyani tra i metodisti americani, gruppi di perfezionisti furono organizzati per preservare e promuovere l’idea di santità come parte essenziale della tradizione metodista. Circa 30 denominazioni negli Stati Uniti si qualificano come corpi di Santità, anche se il termine non appare nei loro nomi ufficiali.

Uno dei primi gruppi di Santità fu fondato nel 1860 come Free Methodist Church of North America. Il più grande corpo della Santità in America è la Chiesa dei Nazareni, fondata nel 1908 da una fusione delle chiese pentecostali, nazarene e della Santità. Nel 1919 la parola “Pentecostale” è stata eliminata dal nome per disconoscere qualsiasi connessione con le forme più radicali del movimento. Inoltre, nessuno dei sei college affiliati e di un seminario ha mantenuto “Santità” nel suo titolo, anche se l’enfasi di base sul perfezionismo non è cambiata. Un gruppo tipicamente conservatore è la pilgrim ho liness church, organizzata nel 1897 per restaurare la primitiva dottrina wesleyana sulle “pratiche apostoliche, i metodi, il potere e il successo.”

Il modello della teologia della Santità è fondamentalista, il che comporta l’accettazione della divinità di Cristo, la nascita vergine, l’espiazione sostitutiva attraverso la morte di Cristo e la resurrezione finale dai morti. Più specificamente, le Chiese della Santità possono essere caratterizzate da cinque caratteristiche principali, che, prese collettivamente, identificano questa forma di protestantesimo moderno. 1. Oltre alla giustificazione, che è un senso di sicurezza che i peccati passati sono perdonati, c’è una “seconda benedizione” in cui il fedele cristiano si sente vicino a Dio. 2. C’è un’esperienza emotiva prodotta nel cuore da un’azione diretta dello Spirito Santo. Anche se istantanea, la “seconda benedizione” può richiedere anni di preparazione. Può essere persa e riconquistata e può essere aumentata in efficacia, ma non c’è dubbio sulla presenza dello Spirito quando viene. Le sette più estreme identificano la venuta dello Spirito con l’infusione di doni straordinari, come il parlare con le lingue o la guarigione improvvisa. Le chiese di Santità più miti riconoscono lo Spirito attraverso un sentimento esaltato, un’impressione interiore, un’emozione corporea e un senso più profondo di consapevolezza dell’amorevole bontà di Dio. 3. Come gruppo, le entità della Santità deprecano gli insegnamenti e le pratiche delle denominazioni più grandi per aver abbandonato la vera fede e per essere scesi a compromessi con il modernismo. La loro teologia è letteralmente biblica. 4. Il metodo preferito di predicazione è il revival popolare, sempre per fare convertiti; e spesso il revivalismo è l’essenza di una denominazione Holiness.5. La maggior parte delle chiese Holiness professano, senza sempre sottolinearlo, la precoce Seconda Venuta di Cristo, che deve inaugurare un millennio di pace e felicità terrena prima dell’ultimo giorno.

Il movimento Holiness negli Stati Uniti è un fenomeno altalenante. Dopo la guerra civile e fino all’inizio del XX secolo, le chiese perfezioniste sono nate nella spinta verso ovest dei circuitisti metodisti. Da allora l’enfasi è cambiata. Invece del perfezionismo, ora è il pentecostalismo a dominare. Nella stessa tradizione di base, l’ultimo sviluppo mostra una reazione contro il freddo formalismo e la burocrazia delle chiese stabilite, in favore di un’esperienza religiosa più spontanea (anche se estrema).

Lascia un commento