Come la forma dello scafo influisce sulle prestazioni della barca?

Come i pneumatici di un’auto influenzano il modo in cui si comporta sulla strada, così la forma dello scafo di una barca influenza il modo in cui si comporta in acqua. Gli scafi plananti, il tipo che la maggior parte delle barche a motore che si trovano a Hunts Marine possiedono, sono disponibili in una varietà di forme. Ma come funzionano? E quali sono i diversi tipi?

Come funziona uno scafo planante?

Per capire come funziona uno scafo planante, è utile considerare prima come funziona uno scafo dislocante. Sedute in acqua, le barche con scafi dislocanti spostano l’acqua fuori dalla strada – da qui il nome. Esempi di barche con scafi dislocanti sono le canoe e le navi da crociera.

Le carene plananti, al contrario, funzionano più come una pietra di skimming – generando una portanza idrodinamica, lo scafo si sposta sulla superficie dell’acqua, permettendo di raggiungere una maggiore velocità grazie al minor contatto con l’acqua.

Questa generazione di portanza dipende dalla velocità, ed è ciò a cui ci si riferisce quando i diportisti parlano di ‘velocità di planata’. Se si guida al di sotto di questa velocità, si genera una portanza insufficiente perché la barca possa stare in cima all’acqua, quindi si comporta come uno scafo in dislocamento. A una velocità intermedia, la barca arerà attraverso l’acqua, non proprio planando, ma nemmeno spostando l’acqua in modo molto efficace.

Si vuole uscire da questa fase di aratura il più rapidamente possibile, in quanto è dove il motore della barca di solito deve lavorare più duramente. Per questo motivo, spesso è meglio dare il massimo quando si accelera, in modo da salire sul piano.

Quali sono i due tipi principali di carena planante?

Nonostante ci siano molti tipi diversi di barche a motore, le forme di carena che possiedono cadono lungo uno spettro, dal fondo piatto ad un estremo, alla V profonda all’altro.

1. Fondo piatto

Tipicamente si trova su piccole barche da pesca o gommoni, gli scafi a fondo piatto hanno un pescaggio basso (distanza tra il livello dell’acqua e il punto più basso dello scafo). Per questo motivo, gli scafi a fondo piatto sono buoni in acque poco profonde, ma possono essere punitivi sulle onde.

Il GTS 240 è un esempio di barca con scafo a V profondo.Il GTS 240 è un esempio di barca con scafo a V profondo.

2. Deep-V

Sono gli scafi che si trovano spesso sulle barche di Hunts Marine – come il Glastron GTS 240, per esempio. La forma a “V” dello scafo aiuta la barca a tagliare l’acqua come un coltello, piuttosto che spostare l’acqua o scivolare come potrebbe fare uno scafo a fondo piatto. Gestiscono anche meglio le acque mosse, rendendole più adatte alle acque aperte.

3. Una via di mezzo

Tra gli scafi a fondo piatto e quelli a V profonda, c’è una gamma di scafi con angoli a V meno aggressivi che hanno caratteristiche di performance diverse.

Per ulteriori consigli sull’acquisto di una barca con una forma di scafo adatta alle vostre esigenze, contattate oggi stesso lo staff di Hunts Marine.

Lascia un commento