Karma

Buddham Sharanam Gachchhami

Karma significa fondamentalmente un’azione, lavoro o azioni. Può anche essere indicato come principio in cui le azioni e l’intento di un individuo influenzano il futuro dell’individuo. Ci sono molte credenze in diverse religioni e culture di ogni parte del mondo che le buone opere e le azioni portano a un buon karma e alla felicità, mentre le cattive azioni e le cattive azioni portano a future sofferenze e a un cattivo karma. Il concetto di karma è originario dell’antica India, ma si crede anche nell’Induismo, nel Buddismo, nel Sikhismo, nel Giainismo e nel Taoismo.

Karma nell’Induismo

I popoli indù, specialmente in India e Nepal, hanno un concetto diverso di Karma. Nell’Induismo, il karma si riferisce letteralmente al principio universale di azione e reazione, causa ed effetto, e crede che governi tutta la coscienza. Molti indù credono che sia il libero arbitrio a creare i nostri destini. Secondo i Veda indù, se favoriamo il bene, allora otterremo il bene in cambio e se favoriamo il male, allora otterremo il male in cambio. I Veda indù sono grandi testi che hanno origine nell’antica India, che costituiscono il più antico strato della letteratura sanscrita e la più antica scrittura dell’Induismo che si dice crei uno dei Dio della Trinità, Brahma.

Nella cultura indù, si dice che le persone del Nepal e dell’India producano karma in quattro modi:

  1. attraverso i loro pensieri
  2. attraverso le loro parole
  3. attraverso le azioni che compiono
  4. attraverso le azioni che altri compiono sotto le loro istruzioni

Karma nel Buddhismo

Ci sono fondamentalmente due concetti del Buddhismo; Karma, e Karmaphala. Questi due concetti spiegano come le nostre azioni e azioni ci tengono legati alla rinascita nel Samsara, mentre il percorso buddista spiegato nel Nobile Ottuplice Sentiero spiega la via d’uscita dal samsara. Samsara significa letteralmente esistenza ciclica o movimento continuo.

Perché i buddisti credono nel Karma?

Se ignoriamo il karma, alla fine saremo noi stessi a creare il problema.

Negli insegnamenti di Buddha :

“Non pensate che un piccolo peccato non ritornerà nelle vostre vite future.

Come le gocce d’acqua che cadono riempiono un grande contenitore,

I piccoli peccati che si accumulano con costanza vi sommergeranno completamente.

Non pensate che una piccola virtù non ritornerà nelle vostre vite future.

Proprio come le gocce d’acqua che cadono riempiranno un grande contenitore,

Le piccole virtù che si accumulano con costanza vi sommergeranno completamente.”

L’insegnamento di cui sopra spiega una natura della realtà, tutto è interconnesso ed esiste solo come una piccola parte del Karma e del suo effetto sulla nostra vita.

Karma nel Giainismo

Il popolo in India segue il Giainismo, che è stato insegnato dai ventiquattro propagatori della fede conosciuti anche come tirthankaras. A differenza degli indù che credono il Karma puramente come una legge di natura, i giainisti credono il Karma come argilla in pentola con riferimento all’anima. Essi credono di poter controllare il Karma con il loro sforzo, la loro conoscenza e la loro disciplina. Essi credono che le azioni crudeli ed egoiste porteranno ad un Karma pesante che rende l’anima giù, mentre la sofferenza presa volontariamente aiuterà ad alleggerire l’anima. I Jainisti non credono nell’Essere Supremo, creatore o sostenitore dell’universo, quindi non hanno un’anima del mondo e devono aiutare se stessi nei loro sforzi.

Karma nel Sikhismo

Karma nelle Scritture Sikh è spiegato come:

“Il corpo è il campo del Karma in questa epoca; qualunque cosa tu pianti, raccoglierai e dal karma delle azioni passate, si ottiene la veste di questo corpo fisico. Per Sua Grazia, si trova la Porta della Liberazione.”

Il popolo Sikh si trova in modo prominente nella regione del Punjab in India, ma la comunità Sikh si trova in ogni continente esistente, specialmente anche in Canada. Il Sikhismo crede che tutto sia fatto sotto il comando supremo o Hukam. Il popolo Sikh crede in due tipi di Karma; Dukrit Karma e Sukrit Karma. Dukrit karma significa pensare contro il comando superiore e Sukrit Karma significa l’opposto o piuttosto camminare in Hukam.

In ogni religione, il karma significa fondamentalmente la reazione che si è creata a causa della propria azione. Le persone possono avere modi diversi per annullare la reazione, ma alla fine il karma giudica sempre le persone in questa vita o nella vita successiva.

Lascia un commento