Misure preventive per ridurre il rischio di infezione dopo la chirurgia

La chirurgia è diventata relativamente comune negli Stati Uniti. Infatti, gli interventi chirurgici come la liposuzione sono aumentati del 5% dal 2016, e la chirurgia di aumento del seno è aumentata del 3%. Gli individui si sottopongono alla chirurgia per vari motivi che vanno da gravi preoccupazioni di salute a procedure chirurgiche minori per migliorare il corpo. Interventi chirurgici come l’isterectomia, il cesareo e la sostituzione delle articolazioni sono solo alcuni degli interventi più comuni eseguiti negli Stati Uniti

A prescindere dall’intervento chirurgico, gli individui possono essere preoccupati di ottenere un’infezione durante il loro processo di recupero. Le forme più comuni di infezione dopo un intervento chirurgico sono le infezioni del tratto urinario, le infezioni dell’incisione e la polmonite. Per questo motivo, spiegheremo cosa causa le infezioni e forniremo quattro misure preventive che ogni individuo dovrebbe prendere per ridurre il rischio di infezione dopo l’intervento chirurgico.

Che cosa causa l’infezione dopo l’intervento?

L’intervento chirurgico può essere benefico per gli individui per varie ragioni. Tuttavia, molte persone corrono il rischio di contrarre un’infezione dopo un intervento chirurgico perché non sono adeguatamente educati su ciò che può aumentare il rischio di infezione. Ecco alcune cause di infezione:

  • Germi che erano già presenti sulla pelle prima dell’intervento. Questi germi finiscono per gravitare verso la ferita chirurgica
  • Germi che sono presenti all’interno degli organi dove è stato eseguito l’intervento
  • Germi che sono presenti nell’aria e si attaccano alla ferita chirurgica
  • Strumenti chirurgici infetti

È importante notare che ci sono individui che sono più inclini alle infezioni dopo un intervento chirurgico. L’infezione chirurgica può aumentare negli individui che hanno il diabete incontrollato, quelli che fumano e quelli con un sistema immunitario debole. Inoltre, gli individui che si sottopongono a interventi chirurgici che durano più di 2 ore possono correre il rischio di un’infezione dopo l’intervento.

Quali sono i sintomi di un’infezione?

Ci sono vari sintomi che possono accompagnare un’infezione chirurgica della ferita. È importante che gli individui prestino attenzione a questi segni in modo da poter cercare immediatamente l’attenzione medica. Ecco alcuni possibili sintomi di un’infezione della ferita chirurgica:

Pus

È normale avere un drenaggio dopo un intervento chirurgico. Infatti, ci si può aspettare che il pus vada dal bianco-giallo al marrone-giallo. Il pus consiste in un accumulo di globuli bianchi morti che è una risposta a un’infezione. Detto questo, se un individuo inizia a vedere un drenaggio torbido, verde o maleodorante, dovrebbe consultare immediatamente un medico per assicurarsi che l’infezione non peggiori.

Febbre e brividi

Un basso grado di febbre è più comune dopo un intervento chirurgico. Tuttavia, qualsiasi cosa che sia superiore a 101 gradi dovrebbe essere motivo di preoccupazione. Se sperimentate una febbre di 101 gradi o più, dovreste consultare il vostro medico immediatamente.

Malessere

Si prevede che gli individui si sentano stanchi dopo l’intervento chirurgico; tuttavia, questa sensazione di stanchezza dovrebbe cominciare a diminuire man mano che la ferita guarisce. Gli individui che si sentono costantemente deboli e stanchi possono essere affetti da malessere. Questo può indicare che un’infezione si sta muovendo attraverso il tuo corpo e dovrebbe essere presa in considerazione.

Rossore

Qualche rossore è previsto dopo un intervento chirurgico. Se sperimentate un rossore che si irradia dalla pelle circostante l’incisione, tuttavia, questo potrebbe essere un segno che un’infezione è presente. Insieme al rossore, si può verificare il gonfiore e l’indurimento dell’incisione a causa del tessuto infiammato sottostante.

Dolore

La maggior parte degli individui prova dolore e indolenzimento dopo l’intervento chirurgico, ma il dolore dovrebbe diminuire man mano che si guarisce. Se il dolore persiste o aumenta nel tempo, questo potrebbe essere un segno che si sta sviluppando un’infezione.

Sito dell’incisione caldo

Quando si sta sviluppando un’infezione nella tua ferita o incisione, il tuo corpo invierà cellule sanguigne combattenti all’area infetta, facendo sentire la ferita calda al tatto. Se la ferita continua a sentirsi calda, questo può causare altri sintomi di infezione.

Quattro modi per ridurre il rischio di infezione dopo un intervento chirurgico

Successo del team di chirurghi in piedi in sala operatoria

Tenere le mani pulite in ogni momento

Portiamo così tanti germi sulle nostre mani. Per questo motivo, è importante che le persone che si stanno riprendendo da un intervento chirurgico tengano le mani pulite in ogni momento. Quando stai medicando la tua ferita, le possibilità che i germi entrino in contatto con la tua incisione è probabile che aumentino. È importante lavarsi sempre le mani per 30 secondi con sapone in acqua tiepida. È anche una buona idea tenere vicino a te un disinfettante per le mani da applicare durante il giorno. Inoltre, se hai un assistente, è importante che segua la stessa routine per minimizzare il rischio che i batteri entrino nella ferita.

Mantieni le ferite sempre pulite e asciutte

Uno dei modi migliori per ridurre il rischio di infezioni è mantenere la ferita pulita e asciutta. Quando la tua ferita è asciutta, è difficile che i batteri vi si insedino. Puoi discutere con il tuo medico dei modi migliori per pulire la tua ferita. Tuttavia, gli individui dovrebbero essere in grado di usare un sapone antibatterico delicato per pulire la ferita in modo efficace.

Continua con gli antibiotici

Gli antibiotici sono essenziali per avere un processo di recupero di successo. Gli antibiotici sono progettati per rallentare e distruggere la crescita dei batteri. Detto questo, tenere il passo con gli antibiotici dopo l’intervento chirurgico sarà estremamente importante per ridurre al minimo il rischio di infezione. Gli antibiotici sosterranno il tuo corpo e lo aiuteranno a bloccare i batteri cattivi che stanno cercando di farsi strada verso la tua ferita chirurgica. Inoltre, è importante prendere gli antibiotici come prescritto e non fermarli troppo presto, in quanto ciò può causare lo sviluppo di un ceppo di infezione che è resistente agli antibiotici.

Non applicare la pomata

L’idea della pomata può sembrare rilassante per la tua ferita appena guarita. Si può pensare che fornire un unguento possa aiutare il processo di recupero. Tuttavia, è importante resistere all’impulso di applicare una pomata. È meglio attenersi alle pomate che solo il tuo medico ti ha prescritto. Infatti, molti unguenti antibatterici da banco trattengono l’umidità sulla pelle e nell’incisione, il che crea un ambiente in cui i germi possono crescere, portando a un’infezione. Attenendosi solo a ciò che raccomanda il medico, è più probabile che il processo di recupero sia più agevole.

Per saperne di più sulle procedure chirurgiche da obp

Per gli individui che si stanno preparando per un intervento chirurgico o sono già nel processo di recupero, è importante capire cosa può causare un’infezione della ferita chirurgica e quali precauzioni prendere per evitare che si sviluppi un’infezione.

Si assicuri di parlare con un medico di fiducia di qualsiasi intervento imminente o ferita chirurgica. Se hai altre domande sulle procedure chirurgiche o vuoi saperne di più sugli strumenti chirurgici, contattaci e saremo felici di assisterti con le tue esigenze.

Lascia un commento