Vaccinazione per la parotite

La parotite è una malattia contagiosa che è causata da un virus. La parotite inizia tipicamente con febbre, mal di testa, dolori muscolari, stanchezza e perdita di appetito. Poi, la maggior parte delle persone avrà un gonfiore delle ghiandole salivari (spesso indicato come parotite quando la ghiandola parotide, davanti e sotto l’orecchio, si gonfia). Questo è ciò che causa le guance gonfie e una mascella tenera e gonfia.

La parotite può essere prevenuta con il vaccino MMR. Questo protegge contro tre malattie: morbillo, parotite e rosolia. Il CDC raccomanda ai bambini di prendere due dosi di vaccino MMR, iniziando con la prima dose a 12-15 mesi di età, e la seconda dose a 4-6 anni di età. Anche gli adolescenti e gli adulti dovrebbero essere aggiornati sulla loro vaccinazione MMR.

Il vaccino MMR è molto sicuro ed efficace. La componente parotite del vaccino MMR è circa l’88% (range: 32-95%) efficace quando una persona prende due dosi; una dose è circa il 78% (range: 49%-92%) efficace.

I bambini possono anche ottenere il vaccino MMRV, che protegge contro morbillo, parotite, rosolia e varicella. Questo vaccino è autorizzato solo per l’uso nei bambini che hanno dai 12 mesi ai 12 anni di età.

Prima che il programma di vaccinazione degli Stati Uniti contro la parotite iniziasse nel 1967, la parotite era una malattia universale dell’infanzia. Dall’era pre-vaccino, c’è stata una diminuzione di oltre il 99% dei casi di parotite negli Stati Uniti. I focolai di parotite possono ancora verificarsi in comunità statunitensi altamente vaccinate, in particolare in ambienti in cui le persone hanno contatti stretti e prolungati, come le università e le comunità molto unite. Tuttavia, un’alta copertura vaccinale aiuta a limitare la dimensione, la durata e la diffusione dei focolai di parotite. Nel caso di un’epidemia, le autorità sanitarie pubbliche possono raccomandare che le persone a maggior rischio di parotite ricevano una terza dose di vaccino MMR o MMRV per migliorare la loro protezione contro la malattia.

Lascia un commento