Viaggiare con la depressione: 12 consigli per un viaggio migliore

Sei stato in attesa della tua vacanza per mesi, ma pochi giorni dopo il tuo viaggio, ti ritrovi a sentirti stanco e svogliato, senza l’energia o l’entusiasmo per uscire ed esplorare. Non vuoi fare nulla, non vuoi interagire con nessuno, e ci vuole tutto quello che hai solo per alzarti dal letto. Per le persone che viaggiano con la depressione, questo scenario potrebbe suonare scomodamente familiare.

Se è così, non sei solo. La depressione è uno dei problemi di salute mentale più comuni, che colpisce più di 300 milioni di persone in tutto il mondo, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Questo include molti viaggiatori. “I problemi di salute mentale sono tra le principali cause di cattiva salute tra i viaggiatori”, nota l’OMS, “e ‘emergenza psichiatrica’ è uno dei motivi medici più comuni per l’evacuazione aerea, insieme a lesioni e malattie cardiovascolari.”

Se stai lottando con la depressione, non significa necessariamente che non puoi viaggiare, ma potrebbe essere necessario prendere un po’ di cura e preparazione in più per garantire che il viaggio vada bene. I seguenti consigli possono aiutare a rendere il viaggio con la depressione un po’ più facile.

Valutati onestamente prima di viaggiare con la depressione

Prima di prenotare qualsiasi volo, fai un bilancio se sei davvero pronto a lasciare casa. “Assicurati che la tua depressione sia ben controllata”, consiglia la dottoressa Sarah Kohl di TravelReadyMD. “Di solito questo significa che non ci sono stati cambiamenti di farmaci o riacutizzazioni negli ultimi tre mesi”. Se vedi un medico o un terapeuta per la tua depressione, lui o lei può aiutarti a valutare la tua idoneità al viaggio.

Lascia un commento