Wall Street a 30 anni: l’avidità è ancora buona?

L’11 dicembre segna il 30° anniversario di Wall Street di Oliver Stone. Il film ha esemplificato l’era yuppie degli anni ’80 durante la presidenza conservatrice di Ronald Reagan: un periodo in cui una celebrità diventava improvvisamente presidente e l’avidità era buona.

L’ormai famoso personaggio di Wall Street, Gordon Gekko, divenne un nome familiare con il suo mantra:… l’avidità, in mancanza di una parola migliore, è buona. L’avidità è giusta. L’avidità funziona.

Gli anni ’80 erano sinonimo di questa etica dell’avidità; anche Bonfire of the Vanities di Tom Wolfe, pubblicato lo stesso anno in cui uscì il film, esplorava i temi dell’eccesso e dell’ego.

Gekko sembra una figura stranamente preveggente se si pensa a Donald Trump, che a novembre si vantava del fatto che l’America avesse il mercato azionario più alto della storia. E mentre era del suo tempo, Wall Street sembra anche aver predetto l’era in cui viviamo, definita da una maggiore disuguaglianza e dalla normalizzazione dell’avidità aziendale.

Wall Street è uscito appena due mesi dopo il crollo della borsa del lunedì nero del 1987. Una settimana dopo l’uscita del film, Ivan Boesky (l’ispiratore di Gekko) è stato condannato a tre anni di prigione per frode finanziaria.

Il film segue l’ambizioso agente di borsa junior Bud Fox (Charlie Sheen), che aspira ad essere come Gekko, che idolatra. Ma quando Gekko diventa più spregiudicato e ingannevole, Budd diventa disilluso dall’industria e si rivolta contro il suo ex mentore, che finisce in prigione per insider trading. Nel sequel del film del 2010, Money Never Sleeps, viene rivelato che anche Fox finì in prigione.

Ma mentre la caduta di Gekko era un messaggio inequivocabile sulla cultura tossica di Wall Street, il film ebbe l’effetto opposto, ispirando una nuova generazione di agenti di borsa.

Lo spietato Gekko, nonostante fosse il cattivo del film, divenne una sorta di eroe culturale, “con le sue bretelle, i suoi capelli con la brillantina e il suo machismo senza pietà”, come scrive Jessica Winter di Slate. E il suo messaggio “l’avidità è buona” sembra essersi solo intensificato.

Infatti, mentre Newsweek dichiarava prematuramente che “gli anni ’80 sono finiti” nella sua prima edizione del 1988, Kurt Andersen del New Yorker suggeriva nel 1997: “Forse gli anni ’80 non sono mai finiti.”

La crescita dell’avidità

La crisi finanziaria globale del 2007-2008 ha esposto più vulnerabilità tra chi ha e chi no in America. Nel 2011, la tolleranza della discrepanza tra i ricchi e il 99% aveva raggiunto il punto di svolta con il movimento Occupy Wall Street.

L’elezione di Trump, tuttavia, ha in qualche modo minato i loro sforzi: “L’ultra ricco” Trump, sostiene Micah White, “non è quello che milioni di occupanti sognavano quando siamo scesi in piazza contro la corruzione monetaria della nostra democrazia”.

Mentre l’avidità poteva essere buona nel 1987, ha raggiunto livelli tossici nel 2017. Infatti, il giornalista Richard Eskow ha dichiarato: L’amore per il denaro è la malattia sociale del nostro tempo.

A novembre, i Paradise Papers hanno rivelato la misura in cui l’élite mondiale evita di pagare le tasse. Come i Panama Papers prima di loro, i Paradise Papers illustrano il livello sistematico di avidità dei molto ricchi. Bono, la Regina, Nicole Kidman e il segretario al commercio di Trump, il miliardario Wilbur Ross, sono tra i molti al centro dello scandalo. L’avidità detta ancora legge.

Infatti, mentre la ricchezza è cresciuta negli ultimi 50 anni, non è cresciuta in modo uniforme. La stagnazione dei salari tra le classi più basse e l’ascesa dei miliardari della tecnologia hanno contribuito a una maggiore disuguaglianza su scala globale. Dal 1987, la disuguaglianza è significativamente peggiorata sia per l’Australia che per gli Stati Uniti.

Quando Forbes ha pubblicato la sua prima lista di miliardari lo stesso anno in cui è stata pubblicata Wall Street, l’Australia aveva due miliardari. A partire dal 2017, ci sono 39 miliardari che vivono in Australia, secondo la lista di Forbes “Australia’s 50 Richest People”.

La collusione sulla fissazione dei tassi e altri casi di cattiva condotta finanziaria e morale delle grandi banche australiane mostrano anche la portata di questa cultura dell’avidità in Australia. Un nuovo studio conferma che l’1% più ricco del mondo possiede ora metà della ricchezza mondiale.

Un racconto ammonitore

Oliver Stone ha affermato nel 2015 che la cultura di Wall Street è “orribilmente peggiore” oggi che negli anni ’80. Stone critica anche la cultura americana dell’adorazione del denaro, con uomini d’affari di successo spesso presenti sulle copertine delle riviste. E The Wolf of Wall Street del 2014 non ha fatto altro che glorificare ulteriormente questo stile di vita, ignorando le vittime della corruzione finanziaria.

The Conversation

L’originale Wall Street era una specie di racconto ammonitore, che alla fine non è stato ascoltato. Nel deludente sequel, Gekko ha guadagnato (in modo poco convincente) una sorta di coscienza, ma 30 anni dopo, è il film originale ad essere più rilevante che mai. Il suo messaggio che il bottino dell’avidità porta all’autodistruzione è stato perso da coloro per i quali la storia di Gekko era celebrativa.

Siobhan Lyons, studiosa di media e studi culturali, Macquarie University

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su The Conversation. Leggi l’articolo originale.

Lascia un commento