Wine Hack: 8 semplici segni che il tuo vino è cattivo

Ti sei mai chiesto se il vino nel tuo bicchiere è buono da bere?

Ma dopo alcuni anni passati a lavorare come enologo in alcune delle più belle regioni vinicole del mondo, mi sono reso conto che non è così difficile come si potrebbe pensare.

Pubblicità

La maggior parte dei difetti di vinificazione possono essere individuati semplicemente annusando il vino. Tutto ciò di cui hai bisogno è tenere a mente alcuni aromi chiave a cui fare attenzione. Se non riesci a sentirne nessuno, saprai che il tuo vino è probabilmente a posto.

Aiuta anche dare un’occhiata al bicchiere.

Il colore può dirti se il vino è stato esposto a un eccesso di aria. O se ci sono segni di bolle e non è destinato ad essere un vino frizzante, sarei un po’ preoccupato anche di questo.

La nuvolosità nel vino, tuttavia, non è necessariamente una cosa negativa. Alcuni produttori di vino preferiscono lasciare il loro vino non filtrato per evitare la perdita di sapore che può derivare dalla ricerca di un vino perfettamente limpido e filtrato.

Pubblicità

Alla fine della giornata se ha un profumo delizioso e anche un buon sapore, saprai di essere su una buona cosa.

Forse è ora di ordinare un’altra bottiglia?

8 semplici segni che il tuo vino è cattivo

1. Il colore più marrone di quello che ti aspetteresti.
Quando il vino bianco è esposto all’aria, assume un colore più marrone. Quando il vino rosso è ossidato, perde alcuni dei suoi colori rosso brillante o viola e inizia a sembrare marrone. Nei vini invecchiati, sia bianchi che rossi, questo è naturale e c’è da aspettarselo. Ma se il vostro vino è giovane – solo 1 o 2 anni, può essere un segno che il vino è stato esposto a troppa aria. Questo può significare che la bottiglia è stata aperta per qualche giorno o può essere successo in cantina o durante il processo di imbottigliamento.

Un buon modo per imparare come cambia il colore è tenere una bottiglia di vino aperta per qualche giorno. Poi aprire una bottiglia fresca dello stesso vino e confrontare il colore dei due campioni. Garantito che il vino che è stato aperto più a lungo avrà un aspetto più marrone.

Pubblicità

2. Il vino ha delle bolle quando non ha intenzione di farlo.
Se ti aspetti che il vino sia fermo e arriva con un po’ di effervescenza, questo è un segno di avvertimento che una sorta di fermentazione sta avvenendo nella bottiglia. Non è una buona cosa. Chiedi un’altra bottiglia, anche se se la seconda bottiglia ha gli stessi problemi, è il momento di provare un vino diverso.

Se sei a casa e non c’è più vino, hai un problema più grande. È ora di rifornire la cantina. Ma per ora, non ti farà male bere il tuo spumante inaspettato.

3. Odore di cane bagnato o di cartone bagnato.
Questi aromi sono associati al tappo di sughero, o al vino che viene ‘tappato’. Questo è un segno che il sughero ha avuto una muffa che è cresciuta su di esso in una certa fase e che ha lasciato una sostanza chimica, nota come TCA, nel sughero. La muffa può essere andata via da tempo, ma anche piccole quantità di TCA possono impartire sapori negativi al vino.

Questo può variare da bottiglia a bottiglia, quindi chiedete una bottiglia fresca se potete. Se l’ultima è stata tappata, la nuova bottiglia avrà un sapore completamente diverso. Non vi farà male bere un vino tappato, ma a seconda del livello dei sapori di cane/cartone potrebbe non essere un’esperienza molto piacevole.
4. Puzza di cerotti o di stalla.
In piccole dosi, un po’ di stalla può aggiungere complessità al vino e non è necessariamente male. Ma se tutto ciò che si sente è odore di cerotti o di animali da fattoria, è un problema con il vino. Generalmente questo è il risultato di un lievito chiamato brettanomyces o ‘brett’ ed è un segno di scarsa igiene nella cantina, anche se può provenire anche dalle uve stesse.

Pubblicità

Ancora una volta, non causerà alcun danno agli esseri umani, ma la cattiva notizia è che l’intera partita di vino avrà probabilmente gli stessi problemi. Prendere una bottiglia fresca non aiuterà in questo caso.
5. Odore di smalto per unghie o aceto.
Un segno che i batteri dell’acido acetico sono stati al lavoro nel vostro vino causando un difetto noto come acidità volatile, o VA. Come il brett, un po’ di VA può aggiungere complessità ed essere una buona cosa, ma quando domina, diventa un difetto. Ancora, non vi farà male berlo, anche se può dare una sensazione di bruciore nelle persone sensibili.

6. Odore di ‘topo’.
Un altro difetto microbico di vinificazione, anche se fortunatamente non molto comune. Per me, qualsiasi quantità di aroma di topo in un vino è una brutta cosa, ma ad alcune persone non dispiace così tanto. Di nuovo, non è tossico ma molto sgradevole – abbastanza da rendermi felice bevendo acqua.

7. Odore di gomma bruciata o cavolo cotto.
Un altro difetto di vinificazione relativamente poco comune, causato dalla formazione di composti di zolfo indesiderati nel vino. Se puoi, scegli un altro vino.

8. Il vino non ha aroma.
Questo potrebbe essere perché il vino è troppo freddo, o ha bisogno di un po’ d’aria. Scalda il bicchiere con le mani e rotea un po’ per introdurre più aria. Se dopo qualche minuto non c’è ancora molto odore, potrebbe essere che il vino non ha molto sapore.

L’altra spiegazione potrebbe essere un livello molto basso di turacciolo, sufficiente a togliere al vino ogni buon sapore, ma non ad un livello abbastanza alto da mostrare il cartone bagnato o la sgradevolezza del cane normalmente associati al TCA.

Lascia un commento